Ricette ed appunti di viaggio di casa Micci & friends

Canditi

Canditi

A chi non piacciono i canditi alzi la mano. Ok, giù tutte le mani. : -)
In realtà la maggior parte di noi non sa se veramente gli piacciono i canditi o meno perché probabilmente non li ha mai assaggiati (quelli veri). Purtroppo, spesso i canditi che si trovano nei dolci hanno poco o niente a che vedere con i canditi veri.

A Roma, non distante da casa dove vivevo da piccolo, c’era una pasticceria i cui proprietari erano napoletani e faceva delle sfogliatelle (che prossimamente faremo) buonissime, i cui canditi erano “diversi” dai soliti. Già lì capii che c’erano diversi tipi di canditi.

Però quando andai a Napoli ed assaggiai le sfogliatelle napoletane e la pastiera… capii che i canditi veri erano una cosa diversa da ciò che normalmente si trova nei dolci.

I migliori canditi li ho mangiati, generalmente parlando, a Napoli e sulla costiera amalfitana e in Sicilia. Poi li ho mangiati buoni anche in mille altri posti ma come sulla costiera amalfitana…

Quindi facciamoci i canditi in casa ed usiamoli nelle ricette dove questi sono previsti perché, credimi, se ce li hanno messi c’è un perché. Ci vogliono quelli buoni però.

Certo, se riesci a farti arrivare gli agrumi dalla costiera amalfitana o dalla Sicilia… che te lo dico a fare, saranno ancora più buoni. Ma anche con frutta biologica buona, comprata da contadini seri, il risultato è comunque eccezionale.

Quali agrumi? Arance, limoni, cedri, lime quello che riesci a trovare, non farti venire il mal di testa. Le ricette non sono dei testi sacri.

Difficoltà uguale a zero. È solo un po’ lunga ma sono solo pochi minuti al giorno per una decina di giorni e si conservano per mesi. Però dopo puoi dire di aver mangiato i veri canditi e vedrai che quando rifarò la domanda “a chi non piacciono i canditi?” non alzerai più la mano. Scommettiamo?

Canditi

Portata: Basi
Cucina: Italiana
Parole Chiave: canditi, frutta candita
Chef: Claudio

Ingredienti

  • 500 gr bucce di agrumi non trattati
  • 1 kg zucchero semolato
  • 1 l acqua

Istruzioni

  • Senza togliere la parte bianca alle bucce degli agrumi, mettile a mollo in acqua fredda per due giorni, cambiando l’acqua due volte al giorno.
  • Il terzo giorno metti le bucce in pentola con abbondante fredda, porta a bollore e lascia bollire per 35/40 minuti se le hai tagliate a listarelle come le mie, oppure per un’ora o più se i pezzi sono più grandi. Devono risultare facilmente infilzabili con uno stecchino.
  • Scola i canditi e tieni da parte. 
  • Metti sul fuoco la stessa pentola con 1 litro di acqua pulita e 1 kg di zucchero semolato. Porta a bollore poi metti dentro le bucce di agrumi, aspetta che abbia ripreso il bollore e poi spegni.
  • Scola i canditi e tieni da parte. Riporta a bollore l’acqua e zucchero, rimetti dentro le bucce di agrumi, aspetta che torni a bollore l’acqua e spegni. Ripeti questa operazione per altri 8 giorni.
  • Il decimo giorno scola i canditi, disponili su carta assorbente e tamponali con altra carta assorbente. Ponili in un contenitore ermetico. Si conservano per mesi.
Stampa Ricetta



RSS
Ricevi aggiornamenti
Facebook
Google+
http://casamicci.com/canditi">
Twitter